DSC_9375

Ecco cosa succede quando mi faccio coinvolgere dal travolgente entusiasmo del mio amico fotografo Davide Zugna! Che mi ritrovo alle 10 di mattina in un hotel casinò sul confine con la Slovenia. E quando dico sul confine intendo proprio sulla linea di confine. Uno di quei posti a 4 stelle, roboanti, con arlecchino a cavalcioni sul ballatoio. Intanto che aspetto, mi prendo un caffè al bar nella hall e vengo  importunata da un vecchietto che – lo giuro – non poteva avere meno di 80 anni! Esce dal casinò vistosamente infastidito perché non vi aveva trovato non so che tipi di roulette, mancavano le roulette russe! Ora, io non mi intendo di giochi da casinò ma la roulette russa esiste davvero? Comunque mi viene vicino e, strizzandomi non uno ma entrambi gli occhi, pretendeva che lo accompagnassi a casa e –  mica gratis! – Mi avrebbe ben pagata lui! Per fortuna dopo l’intervento del pazientissimo personale l’equivoco si è chiarito: il vecchio cercava  solo un passaggio, in particolare l’addetto al servizio taxi dell’hotel. Gli occhi li strizzava solo perché era parecchio alticcio.

Ecco. Qui Davide Zugna ha prenotato la suite 303 per allestire il suo set di… boudoir? Glamour? Fashion lingerie? E chi lo sa! La differenza lui me l’ha spiegata mille volte ma non c’è nulla da fare: sono campi che non domino, non mi ci addentro proprio. Mentre Davide invece ne è proprio appassionato. Beh Davide, a dire il vero, è appassionato di moltissime cose perché è un entusiasta della vita, e quella per il ritratto in studio è diventata ormai la sua professione. Il bello di Davide è che ci mette sempre lo stessa energia e quella sana, schietta modestia di chi sa che nella vita non si smette mai di imparare. È proprio per questo che alla fine mi ritrovo spesso a bazzicare sui suoi set: perché ci si confronta, ci si scambia trucchetti da fotografi e schemi luce, si condivide la voglia di migliorare.

E poi, vogliamo parlare di Chiara? Che Chiara sia molto bella si vede, ma non ho parole per dire quanto è brava! Praticamente la foto si scatta da sola, tanto che non ho potuto fare a meno di rubarle un ritratto. Ora capisco cosa significa lavorare con una modella!

DSC_9439

DSC_9337

DSC_9321

DSC_9339DSC_9378

DSC_9367DSC_9425DSC_9369DSC_9423DSC_9427DSC_9473DSC_9435DSC_9494DSC_9486DSC_9492DSC_9328DSC_9394DSC_9398DSC_9429DSC_9454DSC_9465

Join the conversation!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *